Translate

lunedì 21 maggio 2012

Angolazioni diverse...



Quella di oggi è una interessante curiosità.

Ai tempi del muto Hal Roach, il produttore "storico" di Stanlio & Ollio, vendeva i suoi film in tutto il mondo; gli bastava scrivere i "cartelli" (ovvero le didascalie) in tutte le lingue, ed il gioco era fatto.

L'italia non era certo esclusa. Quindi i suoi film arrivarono qui dapprima con la distribuzione della Pathé e poi con la MGM sin dai primissimi anni '20. Prima i film del solo Stan, poi Charlie Chase, Stanlio & Ollio, le Simpatiche Canaglie...

I film venivano girati su un negativo in celluloide, poi quest'ultimo veniva stampato "in positivo" in più copie che venivano spedite e proiettate in giro per il mondo. Tuttavia nei primissimi anni le ditte di produzione (non solo gli Hal Roach studios), per velocizzare i tempi di stampa e di distribuzione per il mondo, realizzava contemporaneamente DUE negativi, uno per la distribuzione in America ed un altro per la distribuzione Europea (Inglese, principalmente). Sembra che fosse un metodo per ottenere tutto in maniera più veloce (leggi "più economica"), non logorare troppo il primo negativo e sopratutto, da quel che dice Randy Skretvedt nel suo libro (consigliatissimo) "Laurel & Hardy - The Magic Behind the Movies", pare che non fosse ancora disponibile un metodo di duplicazione "adeguato" del negativo su pellicola.

Come si faceva allora a realizzare due negativi diversi?
Semplice: si girava il film "due volte". ...beh, non proprio due volte, ma quasi.

Spessissimo la stessa scena di un film veniva girata da due macchine da presa diverse, caricate ovviamente con due negativi, l'una accanto all'altra: dunque si riprendeva la stessa sequenza vista da angolazioni differenti. Qualche altra volta, se c'erano dei problemi o semplicemente per economia, si poteva usare uno scarto o un outtake dell'altro negativo (cosa che è poi stata fatta frequentemente negli anni successivi per confezionare in fretta i "Trailers" dei film).

Queste versioni si possono a tutti gli effetti considerare versioni "alternative" dello stesso film, e ad oggi si sono salvate per i corti di Stanlio & Ollio due edizioni di Big Business (Uomini d'Affari), di The Finishing Touch (Il Tocco Finale) di You're Darn Tootin' (Musica Classica) e di Angora Love (La Capra Penelope).

Quindi se vi dovesse capitare di vedere un film di questi con qualche sequenza "diversa" da come ve la ricordavate... non vi dovete preoccupare, non è un deja vu... era davvero diversa!

Le immagini allegate mostrano la stessa sequenza (iniziale) di Big Business ripresa dalle due camere da presa affiancate. Incredibile come lo stesso processo oggi porterebbe ad una inquadratura a tre dimensioni.

GS. Ency

PS. (Piacevole Somaro)
In questa pagina dell'amico Rob Lewis http://www.laurelandhardy.org/wrong.htm
è possibile vedere un dietro le quinte del film Wrong Again (Blueboy, Un cavallo per un Quadro).

Qui sono visibilissime le due cineprese affiancate
.
Probabilmente esisteva anche una versione alternativa anche per questo titolo!

4 commenti:

  1. Devo dire la verità, non riesco ancora a capire come la realizzazione di due negativi (incluso il montaggio) potesse essere un processo "comunque più economico" di quello alternativo, cioè di stampare più copie dall'unico negativo realizzato; il fatto non viene indagato a fondo nei libri sulla coppia, per cui se qualcuno volesse intervenire sull'argomento ne sarei felice!

    RispondiElimina
  2. Ok, forse c'è una spiegazione valida:
    Dato che all'epoca non era ancora possibile duplicare (come si deve) un negativo (come appunto dice Skretvedt), fare tutte le copie da un solo negativo, con una richiesta crescente esponenzialmente per le comiche di Laurel & Hardy, lo avrebbe portato alla distruzione;
    La distruzione del negativo avrebbe significato per Roach l'impossibilità di sopperire ad una crescente richiesta di copie e ci avrebbe perso.
    Farne due negativi differenti gli avrebbe permesso di fare tutte le copie in positivo che poteva, ed è qui che recuperava economicamente la spesa.

    Poi è arrivata la possibiltà di duplicare un negativo come si devem così senza dover "rigirare e rimontare" i film, Richard Currier stampò per ogni film di Laurel & Hardy almeno TRE negativi differenti.

    RispondiElimina
  3. Molto interessante. A proposito di Currier, lo stesso Randy Skretvedt notò che fu grazie a questa sua prassi dovuta alla forte richiesta dei loro film se molti film di Stanlio e Ollio si sono conservati oggi. Alla fine, siamo stati fortunati, ci siamo persi giusto due film...e mezzo: sparito nel nulla il corto HATS OFF, una buona parte del secondo rullo de THE BATTLE OF THE CENTURY, dopo un fortunato ritrovamento del primo rullo (!!), e praticamente quasi tutto il film THE ROGUE SONG (Amor gitano, 1930)..ma questa è decisamente un'altra storia..

    RispondiElimina
  4. Aggiungo "Angora Love" tra le versioni alternative. Ho verificato e c'è! Invece per Wrong Again trovo solo versioni identiche fra loro (indipendentemente dalla qualità cangiante), quindi sebbene fosse possibile che sia esistita la versione "alternativa", probabilmente non si è salvata.

    RispondiElimina